PIANO SOCIO SANITARIO. IL FUTURO DEL POLESINE – SCHEDE OSPEDALIERE e TERRITORIO

Con un Convegno che si terrà nell’Aula Magna della Cittadella Sanitaria di Rovigo, domani, mercoledì 27 marzo, la CGIL di Rovigo, unitamente alle categorie della Funzione Pubblica ed il Sindacato Pensionati, si interroga sul futuro dei servizi socio-sanitari in Polesine e si pone come forza coagulante del fronte che si oppone al ridimensionamento dei servizi stessi.

Per far ciò, la CGIL di Rovigo punta a costruire una unità d’intenti fra tutti i soggetti in campo, coinvolgendo nella discussione sulle schede di dotazione ospedaliera l’Assessore regionale del territorio, i Consiglieri regionali espressione del Polesine, i Sindaci rappresentati dal Presidente della Conferenza, il Direttore generale dell’ULSS 5 e il Direttore generale dell’area sanità e sociale della Regione Veneto.

L’intento è quello di raccogliere contributi e richieste provenienti dal territorio e che possano rappresentare il modo più efficace e condiviso di opporsi a qualsiasi riduzione dei servizi socio-sanitari sul territorio stesso, come si prefigura dalle bozze circolanti delle schede di dotazione ospedaliera che dovranno essere vagliate e discusse in Commissione Sanità del Consiglio Regionale e nelle quali già si prefigura una riduzione dei servizi offerti dalle strutture pubbliche, a tutto beneficio degli operatori privati del settore.